Gioco d'azzardo patologico

La Regione Emilia-Romagna con la legge n. 5 del 2013 ha introdotto “Norme per il contrasto, la prevenzione e la riduzione del rischio della dipendenza dal gioco d’azzardo patologico, nonché delle problematiche e delle patologie correlate”, modificata con la legge n. 8 del 2018.
Con la delibera della Giunta n. 831/2017 sono state indicate le “Modalità applicative del divieto alle sale gioco e alle sale scommesse e alla nuova installazione di apparecchi per il gioco d’azzardo lecito”.
Successivamente , con la delibera n.68 del 21/01/2019 sono state adottate “Modalità applicative del divieto di esercizio dei punti di raccolta delle scommesse (cd. corner) e ulteriori integrazioni alla delibera di giunta regionale n. 831 del 2017”.
Il Piano regionale di contrasto al gioco d’azzardo si pone in diretta continuità con gli obiettivi della precedente programmazione, articolandosi sui seguenti obiettivi :

- promuovere presso i cittadini, compresi gli esercenti di locali, dla conoscenza del fenomeno e dei rischi correlati alle pratiche del gioco d’azzardo, tenuto conto anche di indagini epidemiologiche specifiche effettuate su base regionale e provinciale;

- promuovere nel contesto scolastico la conoscenza del fenomeno e dei rischi correlati alle pratiche del gioco d’azzardo, in coerenza e in ampliamento con quanto previsto dal Piano regionale della prevenzione (PRP), al fine di sostenere le scuole aderenti e di ampliarne il numero;

- sostenere la formazione specifica del personale sanitario, sociale, educativo delle associazioni territoriali e degli esercenti di locali non esclusivi con gioco d’azzardo per il riconoscimento dei segnali legati alla presenza di gioco d’azzardo patologico nelle famiglie, promuovendo una responsabilità sociale diffusa e la conoscenza della rete di trattamento;

- promuovere e consolidare una rete competente per il trattamento integrato sanitario e sociale che comprenda interventi ambulatoriali e residenziali, in favore dei giocatori d’azzardo e dei loro familiari, che veda la collaborazione dei servizi sanitari e degli enti privati accreditati del sistema di cura delle dipendenze patologiche, dei servizi sociali degli enti locali e delle associazioni che gestiscono gruppi di auto mutuo aiuto.

Documenti e link disponibili
Di seguito sono riportati i principali atti normativi per il contrasto del gioco d’azzardo patologico in Emilia-Romagna, il primo report di monitoraggio dell’applicazione del Piano regionale e il link agli indirizzi dei luoghi di cura e riabilitazione.

LR 5 / 2013 “Norme per il contrasto, la prevenzione e la riduzione del rischio della dipendenza dal gioco d’azzardo patologico, nonché delle problematiche e delle patologie correlate”, e successive modifiche e integrazioni (testo vigente al 2022).

-  831/2017 “Modalità applicative del divieto alle sale gioco e alle sale scommesse e alla nuova installazione di apparecchi per il gioco d’azzardo lecito”.

Dgr 68/2019 sono state adottate “Modalità applicative del divieto di esercizio dei punti di raccolta delle scommesse (cd. corner) e ulteriori integrazioni alla delibera di giunta regionale n. 831 del 2017”.

“Report di valutazione sull’attuazione del Piano regionale di contrasto al Gioco d’azzardo in Regione Emilia-Romagna” , Servizio Assistenza Territoriale - Area Salute mentale e Dipendenze patologiche (settembre 2021).

“Cura e riabilitazione dipendenza da gioco d'azzardo” 

Per informazioni contattare il Servizio Assistenza Territoriale
dr. Francesco Da Fermo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
dr.ssa Barbara Leonardi Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Parliamone Insieme
il sito della Consulta regionale per la Salute Mentale dell’Emilia-Romagna


Associazione Arte  e Salute APS
Via de’ Griffoni 4
40123 Bologna
P.iva e cod. fiscale 02049631209

Redazione
c/o La Casa di Tina
Via di Corticella 6
40128 Bologna
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Si ringrazia la Regione Emilia-Romagna

Privacy Policy Cookie Policy